L'audace de l'engagement humantaire dans tous les coins du monde
Salon des Solidarit&eacutes;

India : Progetto Suruk

Il progetto viene presentato dalle ONG "Assistance médicale, toit du monde" e HAMAP. Si svolgerà nel Nord India e più particolarmente nella regione di Kalipong.

In questa regione, la popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Si devono percorrere in media due chilometri a piedi per approvvigionarsi nelle fonti di acqua sporche dai rifiuti ed escrementi. Queste fonti sono prosciolte per sei mesi all’anno.

Si tratta di approvvigionare di acqua la regione di Kalipong. Questa soluzione consentirebbe a 328 famiglie ossia circa 2132 persone di beneficiare dell’acqua potabile nelle vicinanze del loro luogo di vita. La manodopera sarebbe fornita gratuitamente dalla popolazione. Spetterebbe anche agli abitanti del villaggio assicurare la vigilanza e la manutenzione della sistemazione.
La durata di questo progetto è stimata a un mese.

Il progetto sarebbe elaborato con gli abitanti del villaggio e in partenariato con "Les Soeurs de Cluny". Numerose riunioni sono già state organizzate con gli abitanti del villaggio, i capi villaggio, i volontari della Scuola Media di Cluny e "Les Soeurs de Cluny".

Il progetto Suruk si scompone in 5 tappe :

1. La captazione dell’acqua :
Sui contrafforti dell’Hymalaya, un’abondante fonte di acqua potabile chiamata "Yang Makun" è disponibile. Un’adeguata sistemazione del’ambiente della fonte sarebbe possibile per farla scorrere nella cisterna di filtrazione.

2. La sistemazione di una conduttura forzata per 11,3 km :
La sistemazzione di un "pipe-line" lungo 11,3 km associata ad un’erogazione a forma di stella consentirebbe di portare l’acqua in 6 punti del territorio del comune ove sono raggruppati gli abitanti dei villaggi più piccoli.

3. La costruzione di una cisterna di filtrazione :
La cisterna di filtrazione sarebbe condivisa in due compartimenti di dimenzioni uguali da una recinzione filtrante.

4. La costruzione di due serbatoi di distribuzione :
I due serbatoi servirebbero ad ottenere un sufficente livello di pressione affinché l’acqua possa quindi essere distribuita nelle 6 cisterne che approvvigionerano.

5. La costruzione di 6 cisterne di distribuzione :
Partendo di questi due serbatoi sarebbe poi portata verso le 6 cisterne di distribuzione.

Questo progetto potrebbe regalare alla popolazione l’acqua di cui ha tanto bisogno per la propria alimentazione, la salute e l’igiene.

Pubblicazione : Dicembre 2009

Sostieni la nostra azione
Objets de collections
www.macollectionpascher.com